settembre 10, 2016 Arredamento, Emergenza Nessun commento

S
iamo spesso abituati a pensare che i pericoli, in caso di terremoto, siano collegati solo alle case o meglio alle opere murarie.

Ma, anche in caso di scosse deboli, cosa può capitare all’interno delle nostre abitazioni?

Un semplice mobile potrebbe rivelarsi pericoloso in caso di ribaltamento e anche il vostro bellissimo vaso potrebbe procurarvi delle ferite. Ma non temete, delle semplici scelte fatte per tempo, possono assicurarci un luogo sicuro o addirittura un rifugio, così che anche un semplice mobile possa diventare un alleato per la nostra sicurezza.

Vediamo come è possibile seguendo queste semplici 4 soluzioni:

Scaffali/librerie ancorate

Tavoli in materiali resistenti

No oggetti pesanti

Evitare mobili con ruote

 

Scaffali/librerie ancorati

Siamo normamele abituati a pensare ai nostri armadi, scaffali, librerie semplicemente appoggiati ai muri . In caso di terremoto, le sollecitazioni orizzontali possono causare il ribaltamento di questi elementi, creando un serio pericolo per l’ignaro abitante.

Una buona soluzione, per eliminare questa insidia, è provvedere all’ancoraggio dei nostri mobili alti alle pareti, così da assicurarci un ulteriore sostegno in caso di scosse, anche non troppo violente ma avvolte sufficienti perché si verifichi questo pericolo.

Tavoli in materiali resistenti

Un ulteriore scelta utile potrebbe essere optare per l’acquisto di un tavolo che sia prodotto con materiali resistenti. Evitare perciò la scelta di elementi di arredo in vetri di fattura debole e poco resistente, che possono facilmente spaccarsi in seguito ai crolli di elementi della muratura, del solaio  o oggetti pesanti dal mobilio circostante.

La scelta di un tavolo o scrivanie in legno, piuttosto che in materie plastiche, resine o vetri resistenti agli urti, può garantire la presenza di un riparo sicuro durante una scossa. Sarà in questo caso possibile, infatti, posizionarsi al di sotto di questo e proteggersi da eventuali oggetti volanti, pericolosi per la nostra incolumità.

No oggetti pesanti

Come detto precedentemente, anche gli oggetti pesanti possono essere ribaltati durante un evento sismico. E’ buona regola, perciò, posizionare queste elementi nei ripiani più bassi o all’interno di mobili le cui ante permettono di bloccare una loro eventuale caduta.

In Giappone spesso le scelte di arredamento propendono per l’uso di pochi soprammobili, posizionati in modo sicuro dando così vita ad uno stile minimal, ma allo stesso tempo molto elegante e studiato.

Evitare mobili con ruote

Capita, inoltre, spesso che non solo i complementi di arredo più piccoli siano soggetti a spostamento in seguito a deboli scosse, ma anche i mobili con le ruote potrebbero essere avvantaggiati al movimento spontaneo, proprio grazie a questa caratteristica.

Per questo motivo sarebbe prudente evitare l’uso di tali elementi in abitazioni collocate in zone sismiche. Il loro movimento, infatti, potrebbe creare degli ostacoli in caso di necessità fuga dall’immobile o danni fisici in caso di urti.

Asilo ApeTau a L’Aquila, Atelier 2 in collaborazione con grandi marchi dell’Edilizia Italia.

In caso di scosse moderate anche i nostri bellissimi arredi possono creare dei disagi, o peggio ancora, rappresentare dei pericoli. Ma con delle scelte semplici e pianificate e possibile ovviare a tale problema, permettendoci di sentire la nostra casa non solo bella ma anche più sicura.

Avete provato ad applicare qualcuna di queste soulzioni? Condividete con noi la vostra esperienza.

Bibliografia

    Written by Cristina Pusceddu